News
LA CORSA PER LA CITTÀ

VOTA IL SONDAGGIO – Scegliamo insieme il sindaco del futuro

IDEE PER TORINO Inizia la grande sfida per costruire il futuro

Abbiamo scritto con enfasi che occorre un’idea nuova per Torino. Un progetto che sappia partire da una visione d’insieme della città, dei problemi del territorio considerando, sul piatto della bilancia politica, la necessità di risolvere le emergenze delle periferie e il degrado che sta purtroppo penalizzando il centro, a cominciare da via Roma, dalle grandi e storiche piazze, dai portici illuminati dalle vetrine delle griffes internazionali. E ora entriamo nel vivo con una domandina semplice: “Chi vorresti come sindaco?”. Nomi di personaggi politici ed esponenti della società, professionisti, imprenditori, ricercatori che possano dare il loro contributo alla complessa sfida per il futuro. Nomi, per ora, a cui dovranno aggiungersi progetti e non solo chiacchiere da inserire nei volantini della propaganda. L’annuncio di Chiara Appendino decisa a non ricandidarsi alla guida della città apre spiragli al cambiamento, soprattutto per chi ha l’esperienza per misurarsi con l’incarico più com- plesso e totalizzante della nostra politica. Fare il sindaco è intanto rendersi conto che ci si pone alla testa della più numerosa e complessa azienda del territorio, che ci sono progetti inderogabili (ne ricordo uno: la linea 2 della metro), che la manifattura grazie alla quale abbiamo tirato a campare per un secolo, è in crisi, che le strade sono a pezzi, il verde è trascurato, i nostri gioielli storici e architettonici a rischio di un pericoloso abbandono. E poi c’è la grande emergenza del sociale, la povertà che avanza, la crescente mancanza di lavoro. Insomma c’è tanto da fare e occorrono persone capaci, e non solo “Il Sindaco”. Dunque cerchiamolo l’allenatore di una squadra che sappia scendere in campo per vincere la sfida del domani. Per dirla tutta cominciamo dai soliti nomi, ma sappiamo che con il vostro aiuti, cari lettori, sapremo scriverne altri e stimolare l’amore per questa città, sentimento che deve scuotere le ritrosie di qualcuno e le perplessità di altri. Facciamo squadra, partendo come è nostro costume, da questo coupon che trovate qui a lato. E che non è solo un quadratino di carta, ma un modo per cominciare a riflettere. Per questo vi chiediamo di portarlo o inviarlo alla redazione. Carta canta, insomma…

Esprimi il tuo parere anche sulla pagina Facebook del giornale.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo