volontari-avo
Cronaca
IL FATTO

VOLONTARIATO&SOLIDARIETA’. I volontari dell’Avo tornano nelle Rsa: «Non vedevamo l’ora di riprendere»

Dopo quindici mesi di stop causa pandemia, sono tornati a prestare servizio in alcune strutture

Dopo 15 mesi, i volontari dell’Avo (Associazione Volontari Ospedalieri) sono finalmente tornati a prestare servizio nelle residenze sanitarie per anziani di Torino: sono già operativi nelle Rsa Crocetta e Anni Azzurri Cit Turin, la prossima dovrebbe essere la Botticelli. «Durante la pandemia non siamo mai rimasti fermi – spiega Angela De Liberato, vicepresidente Avo Torino – ma ci siamo messi a disposizione di altre associazioni per aiutarle persone bisognose, anche al di là del nostro normale servizio in ospedale. Abbiamo collaborato con la Regione Piemonte e lo stiamo facendo tutt’ora nella campagna di vaccinazione. Però siamo contentissimi di tornare finalmente a fare volontariato nelle strutture per anziani, è un passo importante nel graduale ritorno verso la normalità». Per quattro giorni a settimana, i volontari dell’Avo si alternano nella Rsa Crocetta, coordinati dalla referente Grazia Aleotti: «Siamo in sette a fare i turni: io, Annalice, Franca, Giuseppina, Walter, Mirella e Nicola. Emma e Donatella torneranno presto e speriamo che arrivino anche altri colleghi man mano che ci contatteranno altre strutture. Noi tutti abbiamo completato il ciclo vaccinale, è la condizione indispensabile per tornare nelle Rsa e negli ospedali, e comunque indossiamo sempre i dispositivi di protezione individuale. Anche gli ospiti ormai sono tutti vaccinati, molti di loro hanno anche fatto il Covid, ma non per questo dobbiamo abbassare la guardia: manteniamo la distanza ed evitiamo il contatto fisico, anche se un abbraccio sarebbe più importante di tante parole». «Noi non vedevamo l’ora di riprendere il servizio – continua Grazia Aleotti -, il personale e gli ospiti ci hanno accolti benissimo. Alcuni purtroppo non ci hanno riconosciuto, perché le conseguenze di un anno e mezzo di pandemia sono pesanti, altri erano davvero contenti di rivederci. Facciamo un servizio di compagnia: un caffè al bar, una passeggiata in giardino, una partita a bocce, la messa che padre Antonio officia tutti i giorni». Per chi volesse diventare volontario Avo: 011.3187634 o scrivere alla mail info@avotorino.it.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo