L’EVENTO

I volontari puliscono le sponde del Po

Prende il via oggi “Trashchallenge-All'attracco!” con la bonifica degli argini e degli attracchi del fiume

Domani la pulizia degli argini del Po (foto di repertorio)

Una giornata a ripulire attracchi e sponde del Po, da Torino a Moncalieri. Oggi, dalle 9.30, prenderà il via “Trashchallenge-All’attracco!”, organizzata dall’associazione “Vie d’Acqua” e da Legambiente. Obiettivo, riconvertire alcune aree del fiume danneggiate dall’alluvione del 2016. In particolare, l’operazione interesserà i sei attracchi di Murazzi, Borgo Medievale, Piscina Lido, Italia ’61, Vallere e Borgo Navile.

«Il Po è una risorsa ecosistemica ed economica per tutti noi – spiega Francesca Galante di Legambiente – ma le sue acque sono inquinate, le sponde cementificate e ci sono discariche in più punti. Noi vogliamo renderlo nuovamente fruibile». Proprio per questo è nato VisPo, progetto triennale di cui l’associazione Vie d’Acqua e Legambiente sono capofila e che coinvolge 230 volontari tra i 18 e i 30 anni in azioni di pulizia – come quella di oggi – del Po e dei suoi affluenti in Piemonte. Ma lo scopo è ben più nobile e vuole anche ricordare alle istituzioni la necessità di una pianificazione degli interventi sui corsi d’acqua per ricostruire un rapporto uomo-fiume più sostenibile.

All’appello di oggi hanno aderito in tantissimi. Ci saranno, tra gli altri, Torino Spazio Pubblico, Cooperativa San Donato e i ragazzi di imbarcaTo. Questi ultimi, a fine giornata si occuperanno dell’aperitivo per i partecipanti. Presente anche Nursing Up Piemonte, sindacato degli infermieri. «Non potevamo rimanere indifferenti – spiega il segretario provinciale, Roberto Aleo – perché quest’iniziativa parte dal senso civico di cittadini e associazioni e offre uno spunto di riflessione sulle politiche ambientali delle istituzioni regionali e comunali che ci governano, ancora troppo lontane dai reali bisogni della cittadinanza».

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single