Dusan Vlahovic (Depositphotos)
Sport
PIANETA BIANCONERO

Vlahovic, è addio al Mondiale: «Juve? Lottiamo fino alla fine»

L’attaccante è stato frenato dalla pubalgia

Probabilmente non è stato il Mondiale che si sarebbe immaginato. Per lo più passato in panchina a guardare giocare i suoi compagni. Vlahovic è entrato in scena solo nell’ultima partita della sua Serbia, solo per lo “spareggio” contro la Svizzera mettendo a segno anche il suo primo gol in un Mondiale. «È stata una grande sensazione – ha detto l’attaccante serbo – ma non abbiamo fatto risultato, quindi ora significa nulla. Dedica? Per la mia famiglia, che mi supporta tutti giorni, nel bene e nel male. Esultanza? Niente di personale, è una cosa mia. Se pensate sia una provocazione no, era solo per me». Dicevamo, il rendimento di Vlahovic è stato fortemente condizionato dalle sue condizioni fisiche. A tormentarlo, come ormai da qualche tempo a questa parte, la pubalgia: «Sto bene – ha rassicurato -, il dolore è diminuito tanto ma è presente ancora. Mi sento molto meglio, la sostituzione è stata una scelta del mister. Non è stato facile ma sto bene». «Mi aspetto sempre di più da me stesso – ha continuato -, qui ero fuori da un mese e mezzo. È stata la mia prima da titolare da non so quanto…». Negli ultimi giorni l’attaccante bianconero è stato coinvolto anche in un caso di gossip, poi rivelatosi essere una fake news: «Una brutta cosa quelle voci…- ha ribadito l’attaccante – ma ovviamente non sono vere. Ne ho già parlato, non voglio tornarci». Ora per Vlahovic ci sarà qualche giorno di vacanza, prima di rimettersi a disposizione di Massimiliano Allegri. E a proposito di Juventus: «Noi giochiamo partita per partita – ha dichiarato Vlahovic -, siamo a 10 punti dal Napoli che gioca un grandissimo calcio ma la Juve non molla mai. Lotteremo fino alla fine». Infine una battuta sull’addio di Agnelli: «Vediamo ora quando torno in Italia – ha concluso -, non ho capito bene che cosa sia successo. Mi ha fatto grandissimo piacere avere lui come presidente».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo