prevenzione 2
Volontariato
L’INIZIATIVA

Visite e analisi davanti alle università: così gli studenti fanno prevenzione

A ottobre e novembre l’Ambulatorio mobile parte in “tour”: obiettivo, la lotta contro i tumori

La prevenzione è a “km 0”. Merito dell’Associazione per la Prevenzione e la Cura dei Tumori in Piemonte ODV, che sta ripartendo con il Tour “Più Prevenzione Meno Superstizione”: un progetto nel segno dei corretti stili di vita, pensato per dare la possibilità agli studenti universitari di sottoporsi gratuitamente a visite di controllo e a consulti con i medici. Protagonista è l’Ambulatorio mobile dell’Associazione, che farà tappa davanti alle Università con l’obiettivo di fare cultura della prevenzione. Un medico, dalle 13,30 alle 17, sarà a disposizione per effettuare visite o consulti e per rispondere alle domande dei giovani, che potranno sottoporsi gratuitamente al controllo di pressione arteriosa, misurazione del girovita, delle pulsazioni e del peso e a un colloquio conoscitivo con il medico che effettuerà l’anamnesi personale. Verranno inoltre proiettati video informativi e divulgativi. Nel tour torinese sono coinvolti il Politecnico il 19, 20, 26, 27 ottobre, il Campus Einaudi il 2 e 3 novembre, il Campus di Grugliasco il 9 e il 10 novembre, la facoltà di Economia di corso Unione Sovietica 218 bis il 16 e 17 novembre, le facoltà umanistiche di Palazzo Nuovo di via Gian Francesco Bellezia il 23 e 24 novembre. «Dobbiamo riuscire ad avvicinare i giovani alla prevenzione e dobbiamo farlo nei luoghi meglio deputati ad accoglierli, le università» spiega Giulia Gioda, presidente dell’Associazione per la Prevenzione e la Cura dei Tumori in Piemonte ODV. A ottobre, il mese della prevenzione del tumore del seno, il gruppo ha anche lanciato una campagna social per invitare le donne a fare prevenzione e diagnosi precoce. Sottolinea Livia Giordano, responsabile della Epidemiologia Screening CPO della Città della Salute e di Torino: «Il Piemonte è una regione all’avanguardia per quel che riguarda gli screening della mammella, del collo dell’utero e del colon retto: perdere un’occasione come questa sarebbe un vero peccato».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo