minimarket
Cronaca
La scusa non funziona

Violano il coprifuoco fingendosi turisti, in realtà vivono in Italia da anni: denunciati

Tre giovani romeni sorpresi in corso Vittorio Emanuele II: uno aveva anche una chiave inglese nella portiera
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Si sono fatti sorprendere da personale del Commissariato Centro in servizio di volante mentre transitavano mercoledì notte attorno all’1.15 in corso Vittorio Emanuele II, a bordo di un’auto. I tre, di nazionalità romena, di 28, 25 e 21 anni, alla richiesta degli agenti di motivare l’inosservanza del coprifuoco, hanno risposto di essere arrivati a Torino da appena 24 ore e di essere in Italia da qualche giorno, per una vacanza, ignorando le norme previste per il contenimento della pandemia da Covid 19.

Peccato che però gli agenti conoscessero bene due dei ragazzi controllati, identificati sempre a Torino nello scorso mese di aprile e che l’autovettura da loro utilizzata fosse stata vista da tempo parcheggiata sul Lungo Stura Lazio, in prossimità di uno stabilimento industriale. Ulteriori accertamenti hanno fatto emergere come la loro presenza fosse stata registrata in altre città d’Italia quali Roma e Milano negli scorsi mesi, a conferma del fatto che risiedano in Italia da diverso tempo.

I tre giovani sono stati denunciati per aver disatteso il divieto di spostarsi dalla propria abitazione o domicilio sul territorio nazionale dalle ore 22 alle 5. L’autista, di 28 anni, inoltre, è stato denunciato in quanto nella sua disponibilità, nella tasca della portiera dell’auto, è stata trovata una chiave inglese in ferro della lunghezza di circa 20 centimetri. 

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo