Regina Margherita - ospedale infantile
Volontariato
SOLIDARIETA’

Vinovo trotta con l’Ugi, già raccolti 14mila euro per il Regina Margherita

Il ricavato per il reparto di Oncoematologia diretto dalla professoressa Franca Fagioli

La festa per il “Gran Premio Marangoni” all’Ippodromo di Vinovo è stata resa ancora più bella dalla cerimonia che ha concluso la raccolta di beneficenza organizzata dall’ippodromo di Vinovo, in favore del reparto di Oncoematologia dell’ospedale Infantile di Torino, Regina Margherita. Due mesi fa era stata lanciata l’iniziativa “Vinovo trotta con l’Ugi” e i fondi donati da allevatori, proprietari locali e in arrivo da fuori piazza hanno portato ad una raccolta complessiva di 14.046 euro, che è stata consegnata subito ai suoi legittimi proprietari.

Di fatto, il reparto dell’ospedale infantile di Torino, e quindi tutti i bambini malati che d’ora in poi ne potranno godere. La somma sarà destinata all’acquisto di apparecchiature per il reparto diretto dalla professoressa Fagioli. E a ritirare l’assegno (già versato sul conto) erano presenti la segretaria generale dell’Ugi, dottoressa Marcella Mondini, il direttore esecutivo dottor Massimo Mondini e il dottor Francesco Saglio del reparto trapianti. Quest’ultimo ha sottolineato come l’incidenza di recupero totale nei bambini, grazie anche alla ricerca, è sempre più alta. Ma la degenza, le cure e il percorso che devono affrontare insieme ai loro genitori merita sempre la massima attenzione e per questo l’Ugi è sempre al loro fianco. Da oggi c’è anche l’Ippodromo di Vinovo come conferma anche il direttore dell’impianto torinese, Silvano Ferraris: «Un’iniziativa alla quale abbiamo creduto da subito e siamo felici che il mondo dell’ippica abbia dimostrato ancora una volta di essere una famiglia coesa e solidale. Una cifra importante per una causa nobilissima, il primo capitolo di un rapporto che ci auguriamo possa continuare nel tempo. E siamo pronti a fare sempre la nostra parte».

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo