chieri movida
Cronaca
CHIERI

Videocamere e vigili di notte: «Così torneremo tranquilli»

Il Comune investe e assume per contrastare atti vandalici e microcriminalità

Chieri reagisce dopo l’allarme per gli atti vandalici e la microcriminalità: «Investiamo per migliorare la videosorveglianza e aggiungere vigili – annuncia l’assessore a Sicurezza e Polizia locale, Paolo Rainato – Non siamo più la città tranquilla di 40 anni fa ma non siamo neanche Torino e Milano: non abbiamo le “baby gang” di cui ha parlato qualcuno».

L’assessore e il sindaco Alessandro Sicchiero approfittano della presentazione del nuovo comandante dei vigili, Luigi Vella, per annunciare i progetti della città in tema di sicurezza dopo mesi di accuse su atti vandalici e “mala movida”: «Abbiamo un sistema di videosorveglianza vecchio di 10-15 anni, che non è più in grado di soddisfare le nostre esigenze – elenca Rainato – Per questo investiremo 80mila euro l’anno fino al 2024 per cablare il centro. Se ne aggiungeranno 275mila per il secondo lotto, che permetterà di collegare la stazione, piazza Europa e il quartiere di via Monti». Entra nel merito il nuovo comandante: «Abbiamo già affidato la progettazione di questi nuovi impianti da collegare con la fibra ottica. Contiamo di incaricare una ditta dell’implementazione a metà novembre. Abbiamo bisogno di avere strumenti e tecnologie più moderni possibile per evitare errori e velocizzare i procedimenti. Dovremo anche aggiornare la piattaforma, in modo da rilevare e consultare gli incidenti stradali in modo digitale. Purtroppo, in generale, molti colleghi sono reticenti a usare le nuove tecnologie: io voglio portare il comando di Chieri alla massima digitalizzazione. Così possiamo spostare risorse su altre attività».

Riprende l’assessore: «Non abbiamo mai nascosto né minimizzato i problemi che sono emersi e che non c’erano 40 anni fa. Non si può parlare di un fenomeno di baby gang ma noi lavoriamo per contrastare e prevenire». Per questo Rainato e Sicchiero, in estate, hanno chiesto aiuto ai carabinieri: «In via della Gualderia e in via della Pace ci sono ragazzini che disturbano. Poi ci sono l’area Caselli e altre zone dove si vendono o somministrano alcolici in maniera non corretta: cercheremo una quadra con i titolari di locali e mini market. E ci muoveremo per regolamentare il Daspo urbano, come sollecitato anche dai carabinieri».

Poi servirà qualcuno che controlli, in modo da applicare questi Daspo e allontanare dalla città chi disturba: «Entro l’anno avremo 9 vigili in aggiunta ai 27 di oggi: così potremo rivedere l’organizzazione, creare Nuclei per ambiti specifici e digitalizzare molti procedimenti. E la prossima estate potremo anche permetterci dei servizi notturni: è uno dei nostri crucci».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo