Mappadelinquenza
Cronaca
IL CASO Da Barriera di Milano e Aurora fino al Colonnetti

Viali, giardini e parchi: spaccio e delinquenza ci tengono in ostaggio

Risse e droga tra via Alimonda e corso Vercelli, San Salvario e Valentino in mano alle bande

Via Montanaro, il giardino Madre Teresa di Calcutta, il parco del Valentino e il boulevard di corso Principe Oddone. Spacciatori e delinquenti continuano a difendere, con le unghie e con i denti, quelle piccole fortezze costruite nel tempo.

Sono zone franche, ben conosciute alle forze dell’ordine che da alcune settimane stanno cercando di fare l’impossibile per aprirsi un varco tra quelle mura dove spaccio e degrado cercano di resistere alla riqualificazione.

Un esempio lampante è corso Principe Oddone. Dieci anni fa i pusher la facevano da padroni lungo quel Viale dove il cantiere si era addirittura trasformato in un deposito per la droga. E dove un carabiniere in servizio, Marino Ferraro, è morto investito da un treno. Inseguendo un pusher di colore.

Oggi i treni in superficie non ci sono più. Non c’è nemmeno il cantiere. Al contrario il corso si presenta come una grossa autostrada, con piante e semafori e un collegamento con il San Donato.

CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo