fioriere incendio gn
Il Borghese
EDITORIALE DEL GIORNO

Via le barriere dell’era grillina

L’idea (balzana) deve avere illuminato le menti quando Torino, come tante altre grandi città, ha dovuto ricorrere alle barriere antiterrorismo. Ma i blocchi di cemento per salvaguardare dai tir assassini le zone pedonali e i cosiddetti “obiettivi sensibili” devono essere sembrati troppo rudimentali, e allora, anche con il concorso delle Belle Arti e di Comitati illustri forse nati ad hoc, ecco che la giunta Appendino ha pensato di trasformarli in opere d’arte. Bello, no? No, se poi sono spuntate anche le fioriere, in legno, con piante ornamentali ficcate lì, dove capita, proprio nel bel mezzo delle strade. Soprattutto nel centro e nei quartieri semiperiferici, con il malcelato scopo di fermare le auto. E fin qui, dirà qualcuno, che male c’è? Per la Torino green si può fare questo e anche altro. Quello che invece non si può e non si dovrebbe fare è bloccare le ambulanze mentre corrono a salvare una vita e poi sono costrette a fermarsi, oppure – come è capitato ieri – impedire ai mezzi dei vigili del fuoco di arrivare in via Bellezia 7, tra via Corte d’Appello e via Garibaldi, dove una bombola ha devastato una casa e due persone sono rimaste gravemente ferite. Un’assurdità che imporrebbe subito al nuovo sindaco di farle rimuovere, magari premiando quei passanti che sono corsi ad aiutare i pompieri spingendo a lato quei catafalchi inutili e tra l’altro saturi d’acqua. Non si giustifichi l’eredità grillina spiegando che invitano all’uso di biciclette e monopattini (ci sono già brutte e malridotte piste ciclabili) o che servono a proteggere i bimbi mentre entrano a scuola. Sono inutili, banali se si vuol cercare un significato estetico, e pericolose. Tra parentesi: Torino non era celebrata per le su vie diritte come un filo, vanto dei nostri nonni e ricordo indelebile delle vestigia romane?
beppe.fossati@cronacaqui.it

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo