Fonte: Depositphotos
Spettacolo
Da “Sul più bello” di Filippi a “18 regali” di Amato

VERSO HOLLYWOOD. Torino sogna l’Oscar con sei pellicole

Ecco tutti i titoli che si sono messi in gioco per la nomination

Arrivare all’Oscar partendo da Torino è possibile? E perché non dovrebbe esserlo? Sono ben sei (su 25) le possibilità che sia proprio legato al nostro territorio il film italiano che nel 2021 proverà ad accaparrarsi la statuetta dorata più famosa al mondo. La lunga marcia verso l’Oscar è partita per i film italiani con una prima auto-candidatura: tra i 25 lavori che sono stati proposti, il prossimo 24 novembre verrà scelto quello che rappresenterà l’Italia. Circa 130 Paesi del mondo manderanno il loro “prescelto” all’Academy, a Los Angeles, e qui verranno individuati i 5 che andranno effettivamente in nomination come Migliore Film Straniero.

L’Italia ha 25 “papabili”: tra i sei piemontesi solo uno è stato effettivamente girato in città , “Sul più bello” di Alice Filippi, uscito in sala pochi giorni prima dell’ultimo lockdown, mentre gli altri cinque sono di autori torinesi che hanno però girato i loro film altrove: “Spaccapietre” di Gianluca e Massimiliano De Serio e “Bar Giuseppe” di Giulio Base, realizzati in Puglia, “The shift” di Alessandro Tonda, girato in Belgio, “Aspromonte” di Mimmo Calopresti, girato in Calabria, e il lombardo “18 regali” di Francesco Amato.

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo