Dominguez_Gaiottino
Cronaca
IL GIALLO Le indagini sull’omicidio di Gaiottino e sua moglie

Vendetta d’amore dietro l’esecuzione fuori dal ristorante

Gli investigatori colombiani: «Motivi privati». E anche la procura di Ivrea apre un’inchiesta

Pedro Campales che comanda la guarnigione di Risanalda della Policia Nacional de Colombia e che conduce le indagini sull’esecuzione di Roberto Gaiottino, 44 anni, imprenditore edile di Barbania e di sua moglie Claudia Patricia Zabala Dominguez, di 36 anni, non esclude «un regolamento di conti per vicende private, ma stiamo seguendo anche la pista degli affari».

Quello che viene definito un indizio è la sparatoria avvenuta due giorni dopo il duplice delitto in una calle di Medellin, città poco distante da Risanalda, dove due gruppi di balordi si sono affrontati a pistolettate: «Non è morto nessuno – dice Campales -, ma a terra abbiamo trovato del sangue e sappiamo con certezza che alcuni dei pistoleros venivano da Risanalda».

La Policia Nacional non lo dice esplicitamente, ma adombra una reazione da parte di «amici o parenti, comunque persone vicine alla famiglia Dominguez» nei confronti di chi si ritiene essere responsabile dell’agguato alla coppia di sposi.

CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo