"I problemi sono reali e concreti"

Var, Cairo difende Rizzoli: “Protocollo non suo, fa quel che può”

Il presidente del Torino ha difeso l'operato del designatore arbitrale e ha commentato sulla prossima sfida al Milan: "Partita importante, classifica corta"

Urbano Cairo

Il presidente del Torino, Urbano Cairo, difende l’operato del designatore arbitrale Nicola Rizzoli, dopo le polemiche sul mancato utilizzo della Var in Roma-Inter, in occasione del fallo di D’Ambrosio su Zaniolo.

“TROPPI PROBLEMI, MA RIZZOLI FA QUEL CHE PUO'”
“Riconosco il fatto che il tema non dipende tanto dagli arbitri italiani o dal designatore Rizzoli, che fa tutto quel che può, considerando che il protocollo non è stato stabilito da lui. Quindi la cosa va portata a livello degli organismi internazionali”. Cairo, a margine dei “Gazzetta Awards 2018”, ricorda di avere già parlato della Var tre mesi fa: “Avevo già previsto quelli che potevano essere i problemi e non lo facevo solo pro domo mea, ma perchè vedevo che potevano esserci tanti problemi reali. Problemi che oggi tanti stanno dichiarando”.

“CONTRO IL MILAN SFIDA IMPORTANTE”
“Quella di domenica contro il Milan è una partita importante, come lo sono tutte. Questo campionato è caratterizzato da una classifica corta e compatta. nella passata stagione la quarta, a questo punto del campionato, aveva sei punti in più e le mancava una partita, quindi è un campionato molto più difficile in cui tutte le partite sono più impegnative”. Il presidente del Torino, Urbano Cairo, presenta così il posticipo di domenica sera: “Siamo soltanto alla 14/a giornata, davanti abbiamo ancora sfide importanti, in primis quella di domenica contro il Milan; affronteremo la Juventus la settimana successiva. Questo sesto posto non è un risultato definitivo. Certo siamo contenti di averlo ottenuto al momento, si poteva fare anche meglio, perché abbiamo avuto qualche partita in cui forse un pochino siamo stati penalizzati. Abbiamo buttato via anche qualche punto per colpa nostra, però siamo contenti. Adesso dobbiamo continuare, perché il campionato è ancora molto lungo”.

 

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single