IL FATTO

Vandali padroni alla Tesoriera: panchine e bagni sono a pezzi

Corso Francia, Cerrato: "Terminato l'Evergreen Fest sono ripreso i raid"

Concerti e spettacoli hanno cancellato il ricordo degli atti vandalici per un mese e mezzo appena. Terminato l’Evergreen fest, tuttavia, le attenzioni dei vandali nei confronti del parco della Tesoriera sono riprese come d’abitudine. E dalle parti di corso Francia comitati e associazioni sono tornati ad alzare la voce chiedendo provvedimenti.

Un campanello d’allarme suonato anche dalle parti del centro civico della Quattro. Tanto che è stato lo stesso presidente della Circoscrizione a scrivere all’assessore alla Sicurezza, Roberto Finardi, e all’assessore al Verde, Alberto Unia, per chiedere «più controlli e manutenzione contro il degrado».

Tra panchine distrutte e cestini presi a calci il parco si è letteralmente trasformato in un monumento al degrado. Ciliegina sulla torta i servizi igienici ricoperti dalle scritte. «Una condizione inaccettabile – precisa Cerrato – che ci ha convinti della necessità di allertare l’amministrazione. Ad oggi credo sia opportuno sostituire i cestini e le panchine che cadono a pezzi. Molte nemmeno ci sono più».

Un problema sollevato neanche troppo tempo fa dai residenti di zona Parella. «Gli atti vandalici non sono un problema nato ieri – precisa la presidente del comitato spontaneo “Torino in movimento”, Federica Fulco – ma una grana che noi cittadini segnaliamo da tempo. Serve un controllo migliore del parco, soprattutto in orari serali». Ed è proprio quello che succede dopo il tramonto che ha finito per indignare la Circoscrizione. Con bottiglie abbandonate ovunque e raid vandalici che hanno minato la tranquillità di quello che viene considerato come uno dei parchi più importanti della città.

 

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single