vandali scuola cascinette
Cronaca
CASCINETTE D’IVREA

Vandali nella scuola elementare: imbrattate aule, muri e banchi

Il sindaco: «Ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo pulito»

Alcuni vandali hanno devastato la scuola primaria di Cascinette di Ivrea e il sindaco Davide Guarino si sfoga e accusa su Facebook. È lo stesso primo cittadino, giustamente adirato e amareggiato dall’accaduto, a raccontare l’accaduto: «Venerdì sera, poco prima delle 19, due ragazzi di circa 14-15 anni sono entrati nella scuola di Cascinette ed hanno fatto quello che le immagini spiegano meglio di mille parole. Non abbiamo potuto fare altro che accertare l’entità dei danni e rimboccarci le maniche per rimettere a lucido la scuola, abbiamo lavorato fino a sabato sera alle 22 e domenica, dalle 8 fino all’ora di pranzo». Circa 40 persone e una decina di bambini hanno visto come la loro scuola prima è stata rovinata e poi, con l’aiuto di tutti, è stata resa nuovamente agibile e pronta per le lezioni di ieri. «I bambini ci hanno chiesto perché certe persone hanno fatto questo a loro, alla loro scuola, ai loro banchi e ai loro disegni. Vorrei invitare i due ragazzetti artefici del vandalismo a spiegare ai bambini il perché di tutto questo». Il primo cittadino ha voluto ringraziare le maestre, i genitori dei bambini, i volontari della protezione civile e gli amici cascinettesi intervenuti per ripulire la scuola. «Al sopralluogo dei carabinieri – ha aggiunto il sindaco -, seguirà la denuncia e credo che questo non rimarrà impunito». I danni sono stati consistenti, i vandali hanno imbrattato banchi, allagato aule e corridoi, svuotato gli estintori e causato ingenti danni ovunque. È indubbio che dietro simili atti non ci sia solo maleducazione e violenza, ma anche un profondo disagio e al solito saranno le famiglie a pagare. La speranza, è che una volta individuati i responsabili, si trovi la giusta punizione e «che sia di lezione non solo a loro, ma anche al resto dei giovani che pensano di restare impuniti per ogni atto vandalico compiuto».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo