santi apostoli
Cronaca
La vergogna del piazzale di periferia. E il parcheggio non ha mai aperto

Vandali, barboni e discariche: ai Santi Apostoli non c’è pace

MIRAFIORI SUD

In superficie, i vandali continuano a compiere atti di barbarie. Sotto, nel parcheggio interrato che non ha mai aperto, regna il degrado tra masserizie e giacigli dei barboni. A dispetto del nome, piazzale Santi Apostoli non riesce a trovare la pace. Le lastre in pietra continuano ad essere asportate da ignoti. Non una novità, perché in passato già succedeva. «Purtroppo non possiamo fare niente. E’ un fenomeno incontrollabile», spiega Alessandro Nucera, vicepresidente della circoscrizione Due, che da anni riceve segnalazioni dai residenti circa gli episodi di vandalismo.

Nei sotterranei, invece, la situazione è ancora peggiore. Prima ancora di scendere le scale, ecco i materassi dove dormono i senzatetto. Una volta arrivati al piano di sotto, ci si trova davanti la discarica formata da sedie, assi di panchine, spazzatura e persino una bicicletta. I vetri sono spaccati, le porte forzate, e i balordi hanno rotto tutto quel che si poteva. Senza dimenticare le pareti imbrattate dai più disparati slogan fatti con lo spray. Per Mirafiori Sud, quello del piazzale continua ad essere una ferita aperta. Tre anni fa era avvenuta l’intitolazione, dopo che i residenti avevano raccolto le firme perché l’area un nome non ce l’aveva. La vera vergogna, però, è proprio quel parcheggio, fatto costruire da Gtt e costato la bellezza di 4,2 milioni di euro. L’avevano finito nel 2014, peraltro con dieci anni di ritardo rispetto al cronoprogramma perché una ditta appaltatrice era fallita. Peccato che non è mai stato aperto, e Gtt invano ha provato a trovare acquirenti. E così, anziché vederci posteggiate le 90 auto, come da capienza, lì sotto continua a regnare il degrado.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo