TURISMO Eventi assenti ma forse si farà qualche spettacolo

In Val Germanasca è caccia a una casa: «E’ tutto esaurito»

Riaperte abitazioni che erano “abbandonate” da tempo. A Prali code agli impianti come nella stagione invernale

Foto di repertorio (Depositphotos)

Da Pomaretto a Prali c’è voglia di montagna e di turismo in spazi aperti, con molte richieste di affitto di alloggi, ma anche tanti escursionisti di giornata. Da settimane si parla di un’estate alla riscoperta del turismo di prossimità e delle montagne, visto l’impatto che il Covid-19 ha avuto sui viaggi fuori nazione e le norme di distanziamento sociale per contenere il contagio. Anche in Val Germanasca questo effetto si avverte chiaramente: «Da noi c’è sempre più gente. Molti alloggi, che erano chiusi da anni, sono stati riaperti per accogliere i turisti – sottolinea il sindaco di Prali Andrea Domard -. Fino a settembre è quasi tutto affittato». Per quanto Prali sia una meta importante anche in estate, è più conosciuta per la sua lunga stagione sciistica e stavolta il paragone regge: «Alla seggiovia, dieci giorni fa, sembrava una domenica invernale, dal numero di gente che c’era». L’interesse per la montagna l’ha fiutato anche Pomaretto, che si è mossa per tempo con un’iniziativa che, tramite l’associazione Sviluppo Pomaretto, voleva far incontrare la richiesta di case con l’offerta locale.

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single