Chiara Appendino
News
IL POST FACEBOOK

Urne amare per i grillini, Appendino: “Il M5S non crede più in se stesso, bisogna ripartire dai temi”

La sindaca invita a ridisegnare l’agenda politica dei prossimi 10 anni: puntare su argomenti che “uniscono e che riguardano la vita delle persone come ambiente, innovazione, lavoro, sicurezza e sociale”

In un lungo post pubblicato su Facebook, “accompagnato” da un’intervista video, la sindaca di Torino, Chiara Appendino, prova a fare il punto sulla “debacle” elettorale del M5S in Emilia-Romagna e Calabria dove ieri si è votato per le regionali, indicando la strada per ripartire.

IL LUNGO POST DELLA SINDACA
“In Emilia Romagna, Stefano Bonaccini è stato premiato dai suoi cittadini, dimostrando che si può vincere con la Politica e con i fatti, andando oltre gli slogan e la bassa propaganda. Allo stesso tempo, credo che molte persone abbiano deciso che, anche nel perimetro di una competizione elettorale, per quanto aspra, ci siano dei confini, nei toni, nei gesti, nelle immagini, nelle parole, che non possono essere valicati. Il rancore e l’intolleranza non possono essere cifra della Politica”.

IL MOVIMENTO NON CREDE PIU’ IN SE STESSO
“Il risultato del MoVimento 5 Stelle invece, è quello di chi non crede più in se stesso. Per ripartire bisogna innanzitutto ritrovare l’orgoglio di appartenere a un progetto e, soprattutto, concentrarci e lavorare sui temi che ci uniscono e che riguardano, da vicino, le vite delle persone come ambiente, innovazione, lavoro, sicurezza e sociale“.

OCCASIONE PER DISCUTERE AGLI STATI GENERALI
“Avremo ampia occasione di dibatterne da qui agli Stati Generali per poi affrontare con nuove energie le prossime competizioni elettorali. Nel frattempo, continuiamo a fare, bene, quello per cui siamo stati votati dai nostri elettori: governare. E per chi ha questa responsabilità, per me vale sempre una regola: più fatti e meno parole”.

I RINGRAZIAMENTI A BENINI E AIELLO
Un ringraziamento a Simone Benini e Francesco Aiello che si sono spesi senza sosta in questa importante competizione. Un grazie anche ai Candidati Consiglieri e agli Attivisti per il loro lavoro sul territorio”.

RIDISEGNARE L’AGENDA DEI PROSSIMI 10 ANNI DI GOVERNO
Successivamente, a margine della celebrazione in “Sala Rossa” per il Giorno della Memoria, la sindaca di Torino è tornata sull’argomento della debacle elettorale del Movimento, sottolineado quanto già detto e sostenuto, in precedenza, sui social. “Bisogna ridisegnare l’agenda dei prossimi 10 anni di governo e far sì che ciascuno di noi si senta di appartenere a quella comunità” ha spiegato la prima cittadina del capoluogo piemontese.

CONCLUDERE IL LAVORO INIZIATO DA DI MAIO
“Dobbiamo prepararci, riorganizzarci, come stiamo facendo, e poi continuare a governare perché quello che dimostra il voto in Emilia è che i fatti possono fare la differenza, si possono battere gli slogan. Dobbiamo concentrarci sui temi ed è quello che ha iniziato Luigi (Di Maio, ndr)e che continueremo a fare ma con orgoglio di appartenenza al Movimento, voglia di governare e di dare risposte ai cittadini” ha concluso la sindaca.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo