Tribunale
Cronaca
IL CASO Lei aveva 16 anni, lui 50. La pena ridotta in appello perché l’uomo «provava amore e affetto»

Un’orfanella malata “ospitata” in casa dal vicino che la costringe a fare sesso

La condanna accorciata di un anno in Cassazione perché l’imputato «si è preso cura della ragazza»

L’ha accolta in casa, si è preso cura di lei, le è stato accanto quando stava male. Come un padre. Era l’autunno del 2014, lui aveva 50 anni, lei ne aveva appena compiuti sedici e da poco aveva perso il papà vero, morto.

Una ragazzina da aiutare, per l’uomo. Una “preda” da catturare, secondo la Procura che l’ha incriminato per violenza carnale e sequestro di persona. Due reati pesanti, da cui però è stato assolto in primo grado. Ma il sesso tra i due c’era stato, i rapporti erano «continui».

E poco importa che lui sostenga che lei era d’accordo. La ragazzina, hanno stabilito i giudici, era in una «situazione di totale dipendenza». E «non si può dubitare» che la giovane, malata di Sla, «senza amici e scarsamente considerata dalla famiglia, non si trovasse in condizione di inferiorità psichica e fisica, e che l’imputato ne abbia approfittato a fini sessuali».

CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo