unitre anziani
Cronaca
IL CASO

Unitre senza internet e telefoni: «I nostri anziani abbandonati»

L’Università della Terza Età contro Fastweb che replica: «Presto un intervento»

Senza internet e senza telefono dallo scorso 12 dicembre a causa di un improvviso guasto alla linea. Non è stato certo un dicembre molto fortunato per l’Università della Terza Età di corso Trento che a causa di un disservizio legato a Fastweb – che perdura ancora oggi, venti giorni dopo – continua a non poter raggiungere né telefonicamente né tramite mail i suoi 2.800 soci. Molti dei quali sprovvisti, come si può immaginare, di smartphone o di altri telefonini di ultimissima generazione. Un problema grosso che si traduce in difficoltà di organizzazione, considerando l’imminente riapertura post feste natalizia programmata come da calendario per il 9 di gennaio.

SENZA RETE
Numerosi, ad oggi, sono i disagi che “congelano” temporaneamente le attività. «Non riusciamo a trasmettere le nostre conferenze online – raccontano dalla segreteria -, e abbiamo difficoltà con le lezioni in presenza per l’impossibilità ad accedere ai contenuti della rete». Unitre si è subìto attivata con la società di telecomunicazioni italiana, nel tentativo di ottenere un intervento in tempi celeri. Ma il disservizio è continuato anche sotto le feste. «Tra Natale e Capodanno – continuano dalla segreteria -, abbiamo ricevuto una nuova visita di un tecnico che ha verificato il guasto e che ci ha segnalato che “purtroppo la cabina di origine della linea Fastweb è all’interno di in un condominio della zona e che i residenti e anche l’amministratore si rifiutano di aprire”». Così la soluzione del problema è slittata, con buona pace dei soci della struttura.

L’INTERVENTO
Per mettere la parola fine alla lunga querelle, in tempo per l’inizio dei lavori del nuovo anno, l’azienda si è messa in contatto nelle scorse ore con l’Università della Terza Età programmando un nuovo sopralluogo. «Abbiamo pianificato un intervento tecnico sulla linea – spiegano da Fastweb -, per ripristinare i servizi nel più breve tempo possibile».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo