insuperabile
Volontariato
L’EVENTO

Una staffetta lunga mille chilometri per l’inclusione sulla via Francicena

Da domani fino al 12 Settembre dal Gran San Bernardo fino a Roma con “InSuperAbile”

Dal 14 Agosto al 12 Settembre 2021 si terrà lungo la Via Francigena una camminata di solidarietà che andrà dal Gran San Bernardo fino a Roma. L’evento si chiama “InSuperAbile – La staffetta dell’inclusione” e sarà un percorso di solidarietà di 1.000 km per superare insieme ogni tipo di disabilità e portare un messaggio di Ri-partenza e Ri-nascita. Un appassionante viaggio da Nord a Sud – dal Gran San Bernardo fino a Roma – nel quale gruppi di persone con particolari fragilità si passeranno un simbolico testimone, portando un messaggio di inclusione e speranza. L’iniziativa nasce per diffondere la cultura del movimento utile, corretto e supervisionato, quale mezzo per prevenire e rallentare i sintomi di numerose patologie e come supporto psicologico insostituibile in persone con disabilità fisiche e cognitive per un maggiore grado di sicurezza e di autostima. L’intenzione del progetto è evidenziare come, anche dalla pratica di un gesto semplice e naturale come il cammino (o dalla pedalata in bicicletta o in tandem), tutti possano trarre notevoli vantaggi dal punto di vista psicofisico, e come unire le forze sia fondamentale per raggiungere grandi risultati. Saranno in totale 30 tappe per 30 giorni, che vedranno il Piemonte e la provincia di Torino protagonisti dei primi chilometri insieme. Tra gli organizzatori vi sono diverse associazioni: capofila sono la Libera Accademia del Movimento Utile e Asd Rosa Running Team, insieme a SeVuoiPuoi, associazione dedicata alla sclerosi multipla, Pedalabile e Albergo Etico, impresa sociale pioniera in percorsi di indipendenza, autonomia professionale e di vita per persone con Sindrome di Down e disabilità. Queste le parole di Alex Toselli, presidente della Cooperativa Download e fondatore di Albergo Etico, a commento dell’evento: «Per tutti i partecipanti l’obiettivo comune sarà quello di procedere nonostante le difficoltà che si incontreranno lungo il percorso, come nella vita, e consegnare il testimone ad altri protagonisti. Una metafora ancora più ricca di significato per coloro che ogni giorno devono affrontare il proprio viaggio superando gli ostacoli della disabilità o patologia. Camminare, correre, muoversi, significa indipendenza, primo passo per l’autonomia».

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo