galilei istituto gn
Cronaca
AVIGLIANA

Una nuova sede per il Galilei: «Grazie ai 4 milioni del Pnrr»

I due fabbricati ora esistenti saranno demoliti e sostituiti da un altro edificio

La necessità di spazi di studio moderni e sicuri resta una delle priorità per il sistema scolastico non solo piemontese, ma nazionale. Per questo il Pnrr ha previsto ingenti investimenti che hanno toccato anche le scuole della nostra provincia. Ad Avigliana sarà costruita una nuova sede per la succursale dell’istituto “Galileo Galilei” l’unico con indirizzo tecnico nella valle che raccoglie studenti dalla Valle di Susa, dalla Val Sangone e dalla zona ovest di Torino.

Entro quest’anno il ministero dell’Istruzione individuerà con un concorso di idee i progettisti ai quali la Città metropolitana di Torino affiderà esigenze e richieste, in collaborazione con il Comune di Avigliana, giungendo così alla definizione del progetto esecutivo. L’intervento dovrà prevedere la realizzazione di un nuovo plesso scolastico a elevata efficienza energetica all’interno dello stesso terreno di proprietà della ex Provincia. Saranno demoliti i due fabbricati ora esistenti ma solo successivamente alla nuova edificazione, in modo da permettere la continuità dell’attività didattica. L’esigenza di demolire i fabbricati attuali è maturata dalla valutazione dell’alto costo del loro adeguamento alle norme sismiche e a quelle sul risparmio energetico e dei costi di rifacimento delle finiture interne come pavimenti, controsoffitti, servizi igienici e impianti elettrici.

I lavori di edificazione della nuova succursale dovranno essere aggiudicati entro settembre del 2023. Mentre la conclusione con il collaudo è fissata dal Pnrr inderogabilmente entro il mese di marzo 2026.

Grande soddisfazione da parte del sindaco Andrea Archinà: «Il progetto che prevede un intervento da 4 milioni di euro è stato candidato dalla Città metropolitana nell’ambito della Missione 2 “Rivoluzione verde e transizione ecologica” del Pnrr. Questo – prosegue il primo cittadino – ci permetterà di avere nuovi spazi sicuri ed accoglienti per gli studenti ma soprattutto un progetto che si raccorderà ad altri nel centro storico e che in futuro porterà ad avere spazi per i cittadini, palestre e un centro sportivo».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo