Kevin
Salute
LA STORIA

Una nuova rotula per Kevin: «A dicembre torna in Italia»

Il bimbo sottoposto a un nuovo intervento. La mamma: «Tornerà a camminare»

Tornerà a camminare e a correre come qualsiasi altro bambino, ma ci vorrà del tempo. Il ritorno del piccolo Kevin e della sua famiglia in Italia, a Torino, è previsto per il mese di dicembre. Nelle scorse ore il bambino è tornato di nuovo sotto i ferri per la ricostruzione della rotula, primo passo per poter tornare a muoversi liberamente. L’intervento – ci arriva notizia dalla Florida – è riuscito perfettamente e senza alcun intoppo.

Sotto i ferri

Con l’ultimo intervento si è creata la rotula e si è proceduto con il raddrizzamento del piedino. «Hanno inserito un nuovo fissatore – spiega la mamma del bimbo -, che questa volta consentirà al ginocchio di piegarsi. Alla base del piede verranno posizionati dei perni che consentiranno la rotazione graduale del piedino per la preparazione del successivo intervento che consisterà nella creazione della caviglia». Nel frattempo Kevin deve continuare con le fisioterapie per abilitare il ginocchio. La durata della riabilitazione è di circa quattro mesi, successivamente ci sarà un intervento che consiste nella saldatura della caviglia in posizione corretta.

Al termine verrà rimosso il fissatore e la gamba di kevin verrà ingessata con un gesso a conchiglia per circa un mese. In seguito sarà creato un tutore su misura che servirà a bilanciare il peso in modo che si rinforzi la gamba. «Così Kevin – continua la mamma -, potrà camminare correttamente senza il rischio di fratturarsi le ossa». Nessun problema per le analisi del sangue. Qualche comprensibile fastidio per il piccolo che preferirebbe stare a casa sua, invece che in un letto di ospedale.

In Florida

Kevin è stato sottoposto dal dottor Paley, specialista nel campo ortopedico, a un primo intervento per ridurre quella grave malformazione alle gambe che si porta dietro dalla nascita. Una “emimelia tibiale”, così ribattezzata. Ma la permanenza in Florida della famiglia lucentina durerà più del previsto. In loro aiuto, in questi mesi, sono scesi interi quartieri, persino CronacaQui, con la onlus Costruire!, e l’associazione Anesv. Ma l’affitto costa e gli aiuti continuano a servire come il pane. Chi volesse dare un piccolo contributo può contattare la pagina Facebook o chiamare mamma Zamira al numero di telefono 327.8637778. Per donare anche “Comitato realizziamo il desiderio di Kevin” all’Iban IT38 L0306909 606100000168356.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Sportegolando
LA RUBRICA
Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo