piazza baldissera gn
Cronaca
PIAZZA BALDISSERA

Un tunnel contro gli ingorghi: «Così snelliamo il traffico»

La Sette invoca il vecchio progetto per la rotonda delle polemiche

Realizzare il tunnel sotterraneo in piazza Baldissera per cancellare l’incubo legato a code e ingorghi nelle ore di punta. La Circoscrizione 7 torna alla carica, rispolverando il vecchio progetto del sottopasso che collegherebbe corso Vigevano con corso Mortara. Più che un’ipotesi se pensiamo che sotto la rotonda sarebbe già stato predisposto il “buco”, necessario al passaggio della strada. «I progetti della precedente amministrazione – racconta il presidente della 7, Luca Deri -, sono stati mal digeriti dai cittadini. Personalmente credo che questa sia l’unica strada percorribile, altrimenti non risolveremo mai il problema delle code».

Un progetto molto oneroso, che in passato ha fatto litigare anche Comune e Regione. In passato sono state studiate anche altre ipotesi: dai semafori intelligenti alle corsie preferenziali per i bus. Fino ai droni chiamati a registrare i flussi di traffico. Ma di fatto nulla è cambiato. Così come non sono mai partiti i lavori per far passare la linea 10 del tram attraverso la mega rotonda, da via Cecchi fino a via Stradella. Due anni fa, inoltre, è stata presentata una petizione di oltre 2.500 firme (cittadini e commercianti) per chiedere la realizzazione del sottopasso in piazza Baldissera, unitamente a tre nuovi progetti per sostenere il traffico in rotonda nel medio periodo. Tra questi la possibilità di “tagliare” la rotonda. E sempre di tunnel parla anche la Circoscrizione 8 che per bocca del presidente Massimiliano Miano chiederà al Comune di Torino la possibilità di realizzare un sottopasso che colleghi corso Unità d’Italia con corso Trieste. Soluzione necessaria per evitare il traffico che rischierà di scatenarsi, un domani, con la fine dei cantieri del Palazzo del Lavoro.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo