Fonte: depositphotos
Cronaca
IL FATTO L’aggressione lunedì nell’atrio di Porta Nuova

Con un punteruolo contro i pendolari: «Vi ammazzo tutti»

Bloccato dopo un corpo a corpo con i finanzieri. In manette è finito un somalo di sessant’anni

Sono state le urla ad attirare l’attenzione di una pattuglia di finanzieri che due sere fa attraversava la stazione di Porta Nuova. Dopo le grida, un fuggi fuggi generale: «C’è un maniaco che accoltella le persone», diceva la gente terrorizzata. I due militari, pistole in pugno, non hanno esitato a raggiungere l’androne della stazione dove un uomo che impugnava un lungo punteruolo rincorreva i passanti. Era fuori di sé, «pronunciava frasi nella sua lingua e poi, in italiano, minacciava: vi ammazzo tutti». Tagliava l’aria con quell’arnese e in un paio di occasioni ha sfiorato i volti dei passanti. I militari gli si sono avvicinati, gli hanno intimato di posare il punteruolo, ma l’uomo ha minacciato anche loro, sfidandoli e invitandoli ad un corpo a corpo. I due finanzieri hanno agito con decisione: mentre uno di loro ha distratto lo straniero, l’altro lo ha bloccato dalle spalle e lo ha atterrato. Ma l’uomo continuava a dimenarsi, «aveva la bava alla bocca», hanno riferito alcuni testimoni, ma è stato ammanettato.

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo