edicola corso marconi
Cronaca
CORSO MARCONI

Un nuovo appello per l’edicola: «Servizio essenziale per tutti»

Il presidente della 8 Miano: «Pronto a ricevere tutti gli edicolanti»

La chiusura dell’edicola-chiosco di corso Marconi angolo via Madama Cristina, a due passi dalla caffetteria dell’Università, continua a tenere banco a San Salvario. Il quartiere al centro delle trasformazioni legate alla mobilità dolce ha perso da giorni un suo punto di riferimento. Proprio lì dove sono in atto pedonalizzazioni sperimentali e progetti legati a nuove piste ciclabili.

L’edicola, da vent’anni circa, distribuiva carta stampata ai lettori. Oltre a riviste, fumetti e quant’altro. I gestori, da tempo, stavano cercando qualche figura disposta a subentrare al loro posto. Come dimostrava anche il cartello affisso sulla bacheca. Figura che evidentemente non hanno trovato, fino alla mattina in cui la serranda non si è più alzata. Con buona pace dei cittadini che ora devono fare qualche isolato in più per andare a comprare il quotidiano. «Non ci voleva – racconta Michelangelo, 70 anni -, ma ci auguriamo possa riaprire quanto prima». Lo spera anche la Circoscrizione 8, autrice di un nuovo appello. «L’edicola di corso Marconi, come tante altre, rappresenta un servizio essenziale per la comunità – spiega il presidente, Massimiliano Miano -. Occorre ridare nuovo slancio a queste attività. Sono pronto a ricevere tutti gli edicolanti, che nel frattempo hanno cessato la loro attività, per cercare soluzioni alternative e condivise».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo