incendio-cartiera
Cronaca
FRONT CANAVESE

Un incendio nella cartiera. Il fumo visibile da chilometri

Brucia un deposito di carta, salvo il capannone principale

Sono durate tutto il giorno le operazioni di spegnimento di un incendio divampato ieri mattina in un capannone adibito a deposito alle spalle della Cartiera Giacosa, in via Rivera a Front Canavese. L’allarme è scattato attorno alle 11.30. Ad andare a fuoco, per cause in fase di accertamento, sono stati bancali e rotoli di carta per la produzione di pasta di cellulosa ma per fortuna le fiamme non hanno raggiunto il capannone principale.

L’incendio ha provocato una colonna di fumo ben visibile anche da tutti i Comuni confinanti. Sul posto sono intervenute quattro squadre e un’autobotte dei vigili del fuoco. Con loro anche gli agenti della polizia locale di Front e i carabinieri della compagnia di Venaria per le indagini di rito: saranno loro a dover stabilire eventuali responsabilità. Nessuna persona è rimasta ferita o intossicata, né tra i dipendenti presenti al momento del rogo né tra i vigili del fuoco.

In via Rivera è arrivato anche Marco Roscio, amministratore delegato della Cartiera nonché marito dell’ex Miss Italia, Cristina Chiabotto, per capire da vicino cosa fosse successo.

La Cartiera Giacosa è una sorta di istituzione a livello industriale del Canavese. È stata infatti fondata nel 1961 da Eraldo Giacosa e Mario Roscio, “caratterizzandosi come un’azienda di nicchia specializzata nella produzione e impregnazione di carta decorativa e carta Kraft per laminati”, come si legge sul sito istituzionale dell’azienda. Negli ultimi anni, la Cartiera Giacosa ha avuto una svolta green, così come dal punto di vista dell’innovazione, continuando a crescere: ora conta 130 dipendenti ed un fatturato di oltre 50 milioni di euro.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo