Schermata 2017-10-03 alle 07.58.09
News
VIA BRACCINI

Un esilio lungo dieci giorni per i 400 studenti del Sella

Dopo un crollo sono stati trasferiti nell’istituto Alvar Aalto

Dopo una settimana a casa circa 400 studenti hanno potuto tornare. Non quelle dell’istituto Quintino Sella, chiuso perché pericolante, ma quelle dell’istituto tecnico per geometri Alvar Aalto di via Braccini 11, nel borgo San Paolo. Una soluzione che era nell’aria da giorni e che è diventata realtà dopo un comunicato redatto dalla ex sede di via Montecuccoli.

Una storia che si è trascinata dietro molte polemiche, destinate a non concludersi neanche ora. Il Quintino Sella, infatti, ha ospitato gli studenti per una decina di giorni. Poi il distaccamento di un pezzo d’intonaco ha portato alla chiusura della scuola per motivi di sicurezza. Sul caso sono intervenuti subito i militanti del Blocco Studentesco, movimento studentesco di CasaPound Italia, che hanno affisso uno striscione polemico fuori dall’istituto. «Nel 2008 al liceo Darwin morì uno studente, nel 2016 è crollato nuovamente il soffitto nella stessa scuola. Questa azione vuole denunciare lo stato di degrado e incuria in cui versano gli edifici scolastici».

L’istituto di via Braccini, da ieri, ospita in tutto 24 classi. Non poche, tanto che dal Sella è partita una comunicazione ai genitori e agli studenti su quelli che saranno i provvedimenti da adottare nei prossimi giorni. I meno contenti sembrano, però, essere i genitori. «Molti di noi – racconta la signora Anna, una mamma – avevamo scelto il Sella per una comodità di spostamento con i mezzi pubblici. Questo improvviso trasloco ha lasciato tanti di stucco». A chiedere spiegazioni c’è anche Luigi Furgiuele del Movimento Nazionale per la Sovranità. «Vorrei capire perché non si è deciso di intervenire prima dell’inizio dell’anno scolastico? – replica Furgiuele -. Si è arrivati al punto di lasciare i ragazzi a casa per una settimana. Con disagi in serie, tra cui quello legato agli spostamenti».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo