la legge dell'innocenza
Libri
LEGAL THRILLER

Un cadavere nel baule della sua Lincoln. Ora Mickey Haller deve difendersi da sé

Un’altra eccezionale prova di Michael Connelly
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Il sistema giudiziario americano consente a un imputato di difendersi da solo. Lo fece, con esito non proprio felicissimo nonostante i complimenti del giudice, anche il serial killer Ted Bundy. In ogni caso, negli States si dice che chi si difende da sé ha un idiota come cliente. Ecco, questa è la cosa che preferisce non sentire Mickey Haller, «l’avvocato della Lincoln», che al cinema ha avuto il volto di Matthew McConaughey. Perché, nel nuovo romanzo di Michael Connelly, il suo cliente è lui, accusato di omicidio per un cadavere trovato nel bagagliaio della sua Lincoln.

Un thriller metà giudiziario e metà carcerario quello di Connelly, questa volta. Haller, sostenuto dalla sua famiglia e dal fratellastro Harry Bosch, lotta per dimostrare la propria estraneità, ma le regole sono chiare: “La legge dell’innocenza” (Piemme, 19,90) è che per dimostrare di non essere tu il colpevole devi trovare quello vero. Mica tanto facile, però, considerando che la procuratrice ha deciso di farti fare dentro e fuori dal carcere ed è ovvio che qualcuno ti ha incastrato di brutto.

E così tra i segreti di Los Angeles e gli intrighi di Las Vegas, si combatte la battaglia penale, mentre un altro nemico, più subdolo, comincia ad avvicinarsi da una piccola e sconosciuta città della Cina…

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo