commercianti nichelino
News
L’INTERVISTA Il sindaco di Nichelino, Giampiero Tolardo

Un bando per aiutare le aziende a ripartire più in fretta possibile

Il Comune in soccorso dei commercianti: «Ma serve anche l’aiuto di Regione e Stato»

I primi giorni dell’epidemia, a Nichelino, hanno visto il sindaco Giampiero Tolardo fare il giro dei quartieri a bordo di un mezzo della protezione civile, per esortare le persone a stare a casa. Ora, superata la fase più acuta del contagio che in città ha colpito duro, portandosi via 16 anziani ospiti della casa di riposo San Matteo, lo sguardo volge verso la cosiddetta “fase 2”. «Una fase difficile – ammette Tolardo – la ripartenza deve essere prudente perché l’epidemia ha svelato la fragilità di molte famiglie e ha acuito le difficoltà di tante imprese del territorio».

Sin dai primi giorni dell’emergenza, il Comune ha aperto tutti i canali possibili a sostegno della popolazione. «All’indomani del primo tampone positivo abbiamo immediatamente aperto il Centro operativo comunale in collaborazione con la nostra protezione civile e la polizia locale. Ma una grande risposta l’ha data anche il territorio, con le associazioni (Caritas, San Vincenzo, pro loco e tante altre) e i comitati di quartiere che si hanno contribuito alla raccolta alimentare per le famiglie in difficoltà».

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo