CHIERI

Un anno senza buttare plastica: «Così impariamo a non usarla»

L'iniziativa di uno studente rilanciata anche tramite Facebook e Instagram

Ha passato un anno intero a raccogliere la plastica che consumava. Adesso, dodici chili di sacchetti dopo, rilancia la sfida: «Proverò a fare meglio. Ma vorrei che anche altri facessero lo stesso esperimento: così, tutti insieme, possiamo ridurre la produzione di rifiuti».

Il protagonista di questa storia è Giovanni Sobrero, 26 anni, studente di Ingegneria meccanica al Politecnico di Torino. Vive a metà tra un alloggio nel quartiere Crocetta e la casa dei genitori a Chieri. È qui che il 16 novembre 2019 ha iniziato ad accumulare la plastica, senza particolari intenti ambientalisti: «Ero semplicemente curioso – riferisce ora l’aspirante ingegnere – Mi piacciono i numeri e il mese prima avevo iniziato a preparare un esame sull’inquinamento. Lì ho scoperto che i rifiuti sono tra le principali fonti di emissioni dannose».

Lo dice uno studio del WWF, lo stesso che ha stimato come una persone produca in media 41,7 chili di plastica all’anno. Quindi 3,5 chili al mese. Sobrero ha provato personalmente e ha ottenuto un risultato molto diverso quando ha tirato le somme un anno dopo, il 16 novembre 2020: «Ho raccolto 30 sacchetti per un totale di 12 chili: non mi aspettavo di produrre così poco. Può darsi che il WWF calcoli in modo più severo e comprenda categorie che producono di più, come commercianti e ristoratori».

Di certo c’è che, se tutti fossero come lo studente, verrebbe gettata molto meno plastica. Quindi si produrrebbe anche meno inquinamento collegato ai rifiuti: «Adesso ho ricominciato la mia raccolta e cercherò di ridurre ancora la mia produzione di plastica. Poi vorrei confrontarmi con altre persone e capire se altri hanno numeri più alti o più bassi».

Per questo ha lanciato le pagine Facebook e Instagram “Plastic Collection – One Month Challenge 2021”: «Spero che altri provino a fare questa sfida con loro stessi: raccogliendo la plastica, si fa più attenzione a produrne meno. È un piccolo gesto da parte di singoli ma può portare risultati utili per tutti».

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single