Ndrangheta e curva, ecco cosa scrivono i giudici nelle motivazioni della sentenza
Sport
Esercitata “rilevante forza intimidatoria nei confronti della società”

Ultrà, la sentenza Alto Piemonte: “La ‘ndrangheta controlla il tifo della Juve”

E’ quanto scrive il tribunale di Torino nel “verdetto” del processo che ha riguardato, fra i suoi vari aspetti, i rapporti fra boss e curva bianconera

La ‘ndrangheta si è di “fatto imposta nel tifo organizzato esercitando un vero e proprio controllo dei gruppi che supportano la Juventus“. E’ quanto scrive il tribunale di Torino nella sentenza del processo Alto Piemonte, che ha riguardato, fra i suoi vari aspetti, i rapporti fra boss e mondo della curva. In questo particolare filone l’imputato Rocco Dominello è stato condannato a sette anni e nove mesi di carcere.

PRESSIONI BOSS, JUVE INTIMIDITA 
La gestione dei biglietti per le partite della Juventus, e la loro rivendita a prezzo maggiorato, è “formalmente riferibile ai gruppi del tifo organizzato, i quali, pur esercitando una rilevante forza intimidatoria nei confronti della società, agiscono tuttavia sotto il diretto controllo” della ‘ndrangheta. E’ un altro dei passaggi chiave della sentenza.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo