sciopero Oerlikon
News
La notizia era stata già data in anteprima dal presidente della Regione Chiamparino

UFFICIALE. L’ Oerlikon annuncia: “L’operaio non sarà licenziato”

Ad annunciarlo lo stesso Antonio Forchione alla Fiom

La Oerlikon sta valutando un clamoroso marcia indietro sull’operaio trapiantato licenziato. Antonio Forchione, lavoratore della filiale di Rivoli, potrebbe così essere reintegrato.

A riferirlo una nota del quartier generale svizzero di Pfaffikon, che spiega che la decisione non è stata presa dal responsabile locale e che potrebbe trattarsi di un errore. La decisione definitiva verrà presa oggi intorno alle 17.

LA REPLICA DEL MINISTRO. “E’ una decisione inaccettabile e inconcepibile”. Così il Ministro del Lavoro Giulio Poletti ha replicato sul licenziamento di Antonio Forchione, operaio della Oerlikon di Rivoli mandato a casa dopo il trapianto di fegato. “La società deve garantirgli un’opportunità – ha proseguito Poletti- Se le notizie dei giornali corrispondono alla verità, è un errore molto grave che l’azienda deve immediatamente recuperare”.

L’ANNUNCIO DI CHIAMPARINO. “I rappresentati locali della multinazionale svizzera mi hanno assicurato di voler ritirare la loro decisione che, prima di ogni altra cosa, presentava tratti di disumanità inammissibili”.

Così Sergio Chiamaparino, presidente della Regione Piemonte ha voluto rassicurare Antonio Forchione, porgendogli i suoi migliori auguri.

UFFICIALE. Antonio Forchone non sarà licenziato. La Oerlikon ha ritirato ufficialmente tutto dopo le polemiche scoppiato nelle ultime ore. E’ stato lo stesso Forchiaro a comunicarlo alla Fiom, dopo l’incontro tra il suo legale e quello dell’azienda.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo