matilda
Cronaca
IL CASO Antonino Cangialosi a processo per Matilda

Uccisa con un calcio: «In quei tre minuti è nascosta la verità»

Il pg: «Se è svenuta subito, allora è colpevole» Lui: «Sono sereno». La ex: «Qualcosa si muove»

Elena Romani e Antonino Cangialosi. Capelli neri e lunghi con la frangia lei, tirati indietro con le basette scolpite lui. A guardarli, tredici anni dopo, sembra che il tempo, per loro, sia trascorso più lentamente. E forse è così. Perché la giustizia è una bilancia. Ma a volte può essere una clessidra. E i due protagonisti del giallo di Roasio, dal 5 luglio 2005, vivono come sospesi, aspettando che cada l’ultimo granello di sabbia, a invocare la fine di un incubo che si augurano coincida con la verità.

+++CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI+++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo