Omicidio-suicidio nel Cuneese: un uomo di 48 anni ha ucciso la madre a martellate, poi si è lanciato dal balcone (foto di repertorio)
Cronaca
Omicidio-suicidio a Saluzzo, nel Cuneese

Uccide la madre a martellate poi si toglie la vita gettandosi dal balcone di casa

L’uomo, un operaio di 48 anni, soffriva di disturbi psichici. Ha ammazzato a coltellate anche il cane

Tragedia nel Cuneese. Un operaio di 48 anni ha ammazzato la madre, pensionata, prendendola a martellate, poi, afferrato un coltello, si è accanito sul cane, uccidendolo, e infine si è tolto la vita gettandosi dal balcone di casa al quarto piano di uno stabile di corso Roma a Saluzzo, morendo sul colpo. E’ successo ieri pomeriggio.

COLPISCE LA MADRE CON UN MARTELLO
L’omicida-suicida, dipendente di un’azienda di Piasco, aveva problemi psichiatrici. L’anziana vittima, 81 anni, abitava con lui nella casa teatro della folle sciagura. E’ probabile che l’uomo l’abbia uccisa mentre dormiva, nella camera da letto, con un martello prima di accanirsi sul cane, nel soggiorno dalla casa. Poi si è lanciato nel vuoto.

I CARABINIERI SUL POSTO
I carabinieri, allertati dai passanti che hanno visto il 48enne precipitare nel vuoto, si sono precipitati sul posto. Qui, aiutati dai vigili del fuoco, sono entrati nell’appartamento e hanno scoperto il cadavere della donna, disteso, nel letto insanguinato.

SUL CASO INDAGA LA PROCURA
I militari hanno ascoltato i vicini di casa senza, tuttavia, raccogliere elementi utili a ricostruire i particolari della tragedia. Sembra, infatti, che nessuno abbia sentito urla o litigi e che in casa non siano stati trovavi bigliettini o messaggi. L’episodio è ora al vaglio della Procura di Cuneo.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo