Salute
LE STORIE DEI LETTORI

Tutti vaccinati solo a dicembre: ancora otto mesi di Purgatorio

I limiti posti dal generale Figliuolo dilatano i tempi della campagna

Caro Direttore, ho letto che il generale Figliuolo ha posto un limite di 24mila vaccinazioni quotidiane in Piemonte. Una decisione dovuta, immagino, a non esaurire le scorte. Ma mi domando: con queste limitazioni e a questo passo, quando terminerà la campagna vaccinale nella nostra regione?
Fabrizio 

Gentile lettore, si possono solo azzardare delle ipotesi, anche se fondate su precise basi numeriche. Il primo dato è quello della popolazione che vive in regione, escludendo gli under 16, per i quali, almeno allo stato dei fatti, non è prevista la somministrazione di alcun vaccino. Stiamo parlando di 4.365.000 persone. Di queste, secondo le comunicazioni diffuse dall’Unità di crisi, ne sono state vaccinate 1.271.020, tra prima (in prevalenza) e seconda dose. Da qui in avanti dovranno essere sottoposti a vaccino anti Covid 3.093.980 piemontesi. A questo punto, considerando che non si potranno somministrare più di 24mila dosi, come Lei ricordava (disposizioni del generale Figliuolo), per arrivare al 100% di vaccinati, saranno necessari ancora 4 mesi. Ma stiamo considerando solo una sola dose del vaccino. Naturalmente, nel caso di una vaccinazione completa (prima e seconda fiala) i tempi si raddoppiano e i mesi diventano 8, per cui il termine della campagna potrebbe essere quello della fine del mese di dicembre. Ovviamente non si tratta di considerare due ondate diverse di vaccinazione (prima e seconda dose) che procedono quasi parallelamente, ma nei limiti delle 24mila fiale quotidiane, non una di più, in tempi non cambiano: otto mesi restano. Sempre ammesso che la fornitura dei vaccini continui senza alcun rallentamento, altrimenti i conti andranno rifatti. Se, invece, si decidesse di fermarsi ad una vaccinazione che copra l’80% della popolazione della regione, il termine della campagna più probabile, sarebbe la fine del mese di ottobre.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo