console
News
IL CASO

Tutti ammassati per il console. E la polizia chiude il ristorante

Si era sparsa la voce che il diplomatico del Bangladesh avrebbe firmato i visti

Doveva essere una commemorazione contenuta, in onore del «padre della Nazione» e nel rispetto delle regole di sicurezza anti-Covid. Un momento di ritrovo seguito da una cena elegante per un’occasione speciale, visto che il diplomatico più alto in carica non capita tutti i giorni in città. Invece, per l’arrivo del console generale del Bangladesh, Iqbal Ahmed, al ristorante «Taste of India» di corso Brescia 22, domenica sono accorsi, da Torino e provincia, 250 bengalesi. E quella che doveva essere una cerimonia per alcune decine di persone si è trasformata in una giornata di fuoco, con maxi assembramenti protratti dal mattino alla sera. Sono intervenuti i poliziotti del commissariato Dora Vanchiglia a monitorare il grande «pellegrinaggio». Ieri, il giorno dopo la ressa, quando ormai si era conclusa l’operazione di ordine pubblico gli agenti, coordinati dalla dirigente Alice Rolando, sono tornati al ristorante. Questa volta per sanzionare. Al titolare del locale i poliziotti di Dora hanno inflitto una multa da 400 euro: figura lui come responsabile della violazione collettiva delle norme anti-coronavirus.

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo