Il lago San Michele a Ivrea
News
Prenotazioni nelle strutture ricettive almeno fino a metà ottobre

Turismo, dopo il boom estivo continua il trend positivo per i laghi del Piemonte

Stagione da record: 3,7 milioni di presenze contro i 3,5 del 2016 e anche per le prossime settimane arrivano segnali più che incoraggianti

Archiviata una stagione estiva da record, i laghi piemontesi di apprestano a vivere un fine estate più che positivo con prenotazioni nelle strutture ricettive almeno fino a metà ottobre. A confermare il più che soddisfacente andamento 2017, Oreste Pastore presidente del Distretto turistico laghi e valli dell’Ossola. “Questa estate – spiega – siamo andati alla grande tanto che pensiamo di arrivare a 3,7 milioni di presenze contro i 3,5 dell’estate 2016 e anche per le prossime settimane arrivano segnali più che incoraggianti dalle strutture di accoglienza con prenotazioni per tutto settembre e anche parte di ottobre grazie anche al turismo congressuale che ha scelto le nostre località in parte anche a causa delle tensioni internazionali che hanno reso meno sicure mete più tradizionali per questo tipo di eventi”.

SI PREVEDE UN AUMENTO TRA IL 5-6% DEGLI ARRIVI
“Al momento parlare di numeri è un po’ prematuro – prosegue Pastore – ma dai primi rilievi ci aspettiamo per le prossime settimane un aumento tra il 5-6% degli arrivi e del 7-9% delle presenze nelle diverse strutture di accoglienza. Un segno che sta crescendo la passione per il turismo lacuale che bene si adatta alle nuove tendenze di vacanze più brevi e magari ripetute. Ad approfittare della nostra offerta turistica, fatta anche di campeggi sempre più simili a veri e propri villaggi turistici, è soprattutto la clientela svizzera che insieme a quella tedesca conta il maggior numero di presenze, seguita da olandesi e inglesi anche se non mancano i turisti italiani che oltre ai laghi possono beneficiare delle vicine valli ossolane per escursioni in montagna“, conclude.

MONTAGNA GRANDE PROTAGONISTA NEL 2017
E proprio la montagna è stata la grande protagonista dell’estate 2017 in Piemonte: forte elemento di attrazione sia del turismo di prossimità sia dei flussi provenienti dall’estero, le valli piemontesi sono tornate ad ospitare numerosi visitatori, forti anche di una sempre più ricca offerta di attività outdoor e di intrattenimento. Nella provincia di Torino i mesi di giugno e luglio hanno registrato un’ottima performance per quanto riguarda presenze e arrivi, in particolare nell’area delle valli olimpiche dove si registra un trend di crescita oltre il 10% anche se periodo di maggiore afflusso rimane comunque agosto. Anche le valli del Cuneese si sono confermate fortemente attrattive: nel mese di agosto l’occupazione media delle strutture ricettiva, secondo i primi dati dell’Atl, si è attestata intorno al 70%.

BILANCIO POSITIVO ANCHE IN VALSESIA E NEL BIELLESE
Bilancio positivo anche nelle province di Vercelli, in particolare nell’area della Valsesia, e di Biella. “Questa estate conferma la montagna quale importante fattore di attrazione per il nostro turismo, grazie anche a un’offerta ricettiva e di attività sempre più numerosa e di qualità – osserva Antonella Parigi, assessora piemontese al Turismo – per questo come Regione siamo impegnati alla crescita e al consolidamento del settore che consideriamo strategico per lo sviluppo del Piemonte”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo