TruffaChieriCopertina
News
Tempestivo l’intervento dei carabinieri

Truffa dello specchietto, arrestata coppia di pregiudicati a Chieri [FOTO]

I due si servivano di pile ministilo per colpire i veicoli dello loro vittime: smascherati da un 68enne

I carabinieri della stazione di Chieri hanno denunciato a piede libero due persone per tentata truffa aggravata in concorso, dopo essere intervenuti in seguito alla segnalazione di un 68enne che, mentre percorreva la via Padana Inferiore, direzione Riva, a bordo della propria autovettura, era rimasto vittima di un tentativo della cosiddetta “truffa dello specchietto”.

L’uomo, in particolare, ha riferito ai militari che dopo aver superato un veicolo di colore grigio ha udito un forte rumore e notato che il conducente della vettura che aveva appena superato lampeggiava continuamente i fari del veicolo. Dopo essersi fermati entrambi a bordo della strada, l’ignoto interlocutore ha mostrato lo specchietto retrovisore laterale rotto, chiedendo un risarcimento di 250 euro in contanti.

Il 68enne ha proposto la compilazione del modello di constatazione amichevole e dopo dopo qualche minuto di inutile trattativa ha ribadito l’intenzione di voler contattare i carabinieri, provocando la precipitosa fuga dell’altro automobilista. La vittima del tentato raggiro ha quindi segnalato l’accaduto all’operatore 112 e dopo un’ora e mezza un appuntato libero dal servizio ha notato l’autovettura sospetta a Poirino.

Dopo un po’ sono giunti sul posto i carabinieri della stazione di Santena, che hanno identificato a bordo di una Fiat Croma due persone: uno, classe 1942, pregiudicato e domiciliato a Torino in un’area camper, l’altra classe 1972, sua convivente, pregiudicata e di nazionalità bosniaca. Dopo perquisizione, all’interno del veicolo sono state rinvenute otto pile ministilo verosilmente utilizzate per colpire i veicoli dei soggetti da truffare.

I due soggetti sono stati riconosciuti dal 68enne di Chieri e denunciati all’autorità giudiziaria per tentata truffa aggravata in concorso. Da parte dei carabinieri si rinnova l’avviso “a tutti i cittadini a prestare la massima attenzione e a segnalare al 112 qualsiasi persona o situazione sospetta”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Rubriche
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo