risse via di nanni
Cronaca
VIA DI NANNI

Troppe risse nell’isola pedonale: «Ora stop alla vendita di alcol»

La Circoscrizione 3 chiede la messa al bando delle bottiglie di vetro

L’ultima rissa tra due gruppetti rivali nell’area dell’innaffiatoio di via Di Nanni non è passata certo inosservata. Così ieri mattina, a oltre 48 ore dal fatto, a monitorare la situazione si sono presentati anche i vigili. Per terra i soliti cocci di vetro, incubo dei residenti e dai commercianti che ora temono di ripiombare nel caos pre Covid. Quando l’isola pedonale veniva presa in ostaggio dai delinquenti.

Un vero problema per la Circoscrizione 3 che ha già lanciato il suo personalissimo campanello d’allarme, chiedendo lo stop alla vendita d’asporto delle bottiglie in vetro dopo le 21. «Per evitare due problemi in uno – spiega la presidente, Francesca Troise -. Il consumo di alcol in strada e la presenza di bottiglie che facilmente si trasformano in armi. Noi siamo davvero preoccupati per quello che sta succedendo e l’episodio di sabato potrebbe non essere un caso isolato». Al Tavolo per i problemi dell’isola pedonale il centro civico di corso Peschiera, facendo anche le veci di comitati e negozianti, ha chiesto provvedimenti che vadano oltre la sola installazione delle telecamere. L’idea porta a uno “stravolgimento” del regolamento, che passi anche da una discussione in consiglio comunale. Un’ordinanza anti “malamovida” per vietare la vendita di alcool d’asporto negli orari serali, come già preso in esame anni addietro in San Salvario, Vanchiglia e piazza Vittorio.

Un viatico per fermare la vendita di alcol fino a tarda notte dei minimarket e di conseguenza gli schiamazzi e le urla notturne di chi bivacca all’aria aperta. «Altrimenti – conclude Troise -, dovremo tornare a chiedere un aumento dei controlli nelle ore serali».

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo