schiavi
Cronaca
IL CASO. Trenta bengalesi nascosti in un palazzo signorile

Schiavi nel sottoscala. Stipati come le bestie infettati dalla scabbia

In ospedale anche un bimbo denutrito di 5 anni. Affitto in nero per 50 euro a testa alla settimana

Trenta persone, forse addirittura qualcuna in più, stipate in un appartamento, due stanze in tutto, che una volta era un piccolo bar al pianterreno di un condominio al civico 10 di via Portula, nel cuore di Madonna di Campagna. Le ha scoperte la polizia, ieri sera, durante un intervento.

Gli ammassati erano tutti di nazionalità pachistana, alcune dei quali non in buone condizioni di salute tanto che gli agenti, assieme al personale medico del 118, hanno accompagnato sette di loro – tra cui un bambino di cinque anni – all’ospedale Maria Vittoria. Nel caso del piccolo per dei problemi di salute, nel caso degli altri sei per sospetta scabbia.

Tutte le persone portate in ospedale sono state messe in isolamento in attesa degli accertamenti, mentre otto migranti sono stati condotti in questura perché sprovvisti di documenti. Solo dodici sono risultati regolari sul territorio nazionale.

L’intervento della polizia è scattato su segnalazione dei residenti, allarmati per il viavai al piano terra dello stabile. Segnalati anche allacci abusivi alla rete elettrica con furti di corrente.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo