ruffini torino
Cronaca
Riqualificazione grazie ai fondi AxTo

Tre campi da calcetto e attrezzi per il fitness: così è rinato il Ruffini

Tra le opere da completare, c’è la pista di atletica del Primo Nebiolo. Lavori in programma il prossimo anno

Quattro anni fa, la riqualificazione tanto attesa. Un parco che prima si presentava degradato è stato rifatto da zero con i fondi di AxTo, il piano per la riqualificazione delle periferie. Tre campi per giocare a calcetto, nuove attrezzature per il fitness e la ginnastica. E molti altri interventi per ridare lustro al Ruffini, il più importante polmone verde di borgo San Paolo. Che ora si presenta come uno dei migliori parchi di Torino. Con i soldi in arrivo dal governo è stato fatto tantissimo, ad esempio riconvertendo il malandato campo da calcio a 11 in tre campi da calcio a 5, che durante l’estate sono sempre pieni di giocatori. Al posto del vetusto vespasiano sono invece arrivati nuovi servizi igienici, anche per i disabili, e pure la copertura del Palasport è stata oggetto dei lavori. Tra le opere che ancora rimangono da completare, c’è invece la pista di atletica dello stadio Primo Nebiolo. Il suo rifacimento è previsto per il prossimo anno, come annunciato di recente dall’assessore comunale allo Sport, Mimmo Carretta. Quando sarà completata, la pista dello stadio sarà una delle migliori d’Italia, degna degli atleti che si alleneranno. Anche Marcell Jacobs, due mesi fa, ha “tastato” la pista del Nebiolo. Il campione olimpico dei 100 metri a Tokyo aveva percorso qualche giro sul tracciato, tra l’incredulità degli spettatori che non si aspettavano di certo la sua visita. Ma se i campi e il Palasport sono già stati rifatti, e se la pista del Nebiolo è prossima alla riqualificazione, ad aspettare un intervento è sempre il noleggio bici. La casetta di viale Bistolfi tre anni fa è stata dichiarata inagibile dal Comune e nessuno può entrarci dentro. Il Ruffini centro scacchistico l’ha utilizzata dal 2008 ininterrottamente, poi dopo il divieto imposto da Palazzo Civico è stato costretto ad abbandonarla e ora si è trasferito presso il campo del tamburello. Ma i soci del centro aspettano, da anni, che il Comune ricostruisca la casetta per tornare a svolgere il noleggio di biciclette, riscio’ e go-kart nel luogo originario. Una richiesta che hanno ricordato anche all’allora candidato sindaco Stefano Lo Russo, durante la campagna elettorale, e che aspetta di essere mantenuta.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo