Forse un malore la causa della tragedia

Travolge il cognato con l’auto e lo schiaccia contro un muro, indagato per omicidio

Rino Schizzerotto, 80 anni, stava dormendo sulla panchina quando è stato investito. E' morto due giorni dopo al Cto

Crisi respiratoria, bimbo di 8 anni si accascia sul campo di calcio. E' successo a Rivarolo (foto di repertorio).

La procura di Ivrea ha iscritto nel registro degli indagati un pensionato di 77 anni accusato di omicidio colposo. L’uomo, nel pomeriggio del 7 maggio scorso, al volante di una Fiat Panda, ha investito e ucciso il cognato, Rino Schizzerotto, 80 anni di Mazzè. L’incidente si è verificato in via Rondissone, frazione Casale di Mazzè.

SCHIACCIATO CONTRO UN MURO
Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, il 77enne avrebbe perso il controllo dell’auto uscendo dal cortile dell’abitazione. Non si sa ancora per quale motivo, forse per un malore improvviso oppure, ancora, per un fatale attimo di distrazione. Fatto sta la vettura avrebbe schiacciato contro un muro il parente che in quel momento si era appisolato su una panchina. Lo schianto è stato terribile. Schizzerotto non ha avuto scampo.

L’UOMO E’ MORTO DOPO DUE GIORNI
Sotto shock e a sua volta leggermente ferito, il 77enne è subito sceso dalla Panda ed ha immediatamente chiamato i familiari ed i soccorsi. L’80enne, apparso subito in condizioni disperate, preso in cura dal personale medico del 118, è stato trasferito d’urgenza, in elisoccorso al Cto di Torino, dove è giunto in codice rosso. L’uomo è deceduto il martedì successivo, dopo due giorni di agonia. I suoi funerali si sono svolti venerdì scorso nella parrocchia di Tonengo di Mazzé.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single