Toro
Sport
L’ANALISI

Toro a caccia del tris di vittorie: in attacco Miranchuk e Vlasic

I granata non ne vincono tre di fila dal 2019, con Mazzarri

Dalla tavola al campo, Ivan Juric ha riportato tutti sul pezzo. Perché dopo la bella serata trascorsa insieme davanti ai piatti della cucina piemontese alla Trattoria Fratelli Bravo, la squadra si è ritrovata al Filadelfia per rimettere il focus sulla gara di domani. Si gioca alle 12.30, un orario che nasconde sempre molte insidie, e si cerca il terzo successo di fila dopo quelli contro Udinese e Milan, anche se il filotto non viene centrato addirittura da marzo 2019.

Il tecnico non potrà sedersi in panchina per squalifica, alla guida dei granata ci sarà il vice Paro per la quarta volta in stagione, ma pensa di affidarsi alle certezze. Come quelle trovate sulla trequarti, con Miranchuk e Vlasic che stanno convincendo sempre di più. «È un giocatore completo, nella mia testa non è mai in discussione» diceva l’allenatore a proposito del croato, il più utilizzato dietro soltanto al portiere Milinkovic-Savic.

L’ex West Ham rimane il bomber del Toro a quota tre, ma l’ultima rete è arrivata lo scorso 5 settembre e dopo due mesi esatti vuole sbloccarsi. Intanto, però, le prestazioni restano di altissimo livello ed era presente nella Top 11 dell’ultima giornata di serie A. Chi, invece, è andato in gol proprio domenica scorsa è Miranchuk, alla seconda gioia in granata dopo quella di Monza all’esordio.

Il russo sta ritrovando la forma migliore dopo l’infortunio muscolare patito tra agosto e settembre, i numeri delle sue presenze sono strabilianti se confrontati con il passato: ha raggiunto le sei maglie da titolare con il Toro, il suo miglior risultato con l’Atalanta furono le sette partenze dal primo minuto. E tutta la squadra gira meglio con il classe 1995, tanto da avere una miglior media punti (1.7 a match a 1.2), una miglior percentuale di vittorie (50 per cento a 33.3 per cento) e una miglior media di gol segnati (1.3 a 0.7) quando Miranchuk è in campo. A Bologna, dietro all’unica punta Pellegri, ci saranno il russo e il croato.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo