blocchi auto
Cronaca
VIABILITA’

Tornano i blocchi auto, Marnati: «Sono inutili». Il traffico è dimezzato

Da oggi fermi tutti i veicoli diesel fino a Euro 5

Scatta il semaforo arancione e i veicoli diesel euro 4 ed euro 5 restano fermi. L’accordo del bacino padano per la qualità dell’aria non guarda in faccia nessuno: dopo quattro giorni di sforamento dei limiti di guardia delle polveri nell’aria partono i blocchi per 800mila auto. Pandemia o non pandemia. Che le macchine siano in strada oppure no.

«I blocchi non sono una soluzione. Hanno sbagliato tutto. Chi non ci credeva ora lo vede con i suoi occhi». Non ha dubbi l’assessore regionale all’Ambiente Matteo Marnati, guardando ai dati di traffico delle ultime settimane. A Torino la circolazione ha subito una contrazione di quasi il 50%, eppure le concentrazioni di Pm10 continuano a salire. «Ora sappiamo che le polveri sottili non dipendono dal traffico veicolare. Sono legate in parte al riscaldamento, all’agricoltura e fattori climatici esterni – prosegue Marnati -. Stiamo studiando una soluzione diversa da proporre al bacino padano e al ministro Costa. I blocchi del traffico dovrebbero scattare in base alle concentrazioni di Nox, non sul Pm10. Serve un cambio di rotta. Bloccare le macchine oggi è una soluzione anacronistica, andava bene negli anni ‘90 quando c’erano le targhe alternate».

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo