clochard-incendi
News
CORSO SACCO E VANZETTI

Torna l’emergenza clochard sotto il viadotto dimenticato

I comitati temono nuovi incendi: «Allontanateli»

Pentolame, vestiti stesi e rifiuti di ogni tipo sparsi ovunque. Si presenta così l’area sotto il cavalcavia Sacco e Vanzetti, ancora occupata dai disperati a tre mesi e mezzo dall’ultimo incendio. «Si tratta di tre clochard di origine rumena, gli stessi che avevano appiccato le fiamme bruciando materassi» spiega Lorenzo Ciravegna, presidente del comitato Torino Bcps che insieme ai residenti della zona chiede «lo sgombero dell’area occupata». I cittadini infatti temono che dalle masserizie possano divampare nuovi roghi, com’era accaduto il 22 ottobre dello scorso anno. In tale occasione il ponte era stato chiuso al traffico dai vigili, generando ingorghi infiniti di traffico. Ben più grave il precedente incendio risalente al 23 dicembre 2018, quando le fiamme si erano sprigionate dal vicino campo nomadi di strada della Berlia danneggiando i piloni e la struttura.

+++ CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo