Chiomonte: rimosso il gazebo abusivo dei No Tav

La questura di Torino fa sapere che «al fine di permettere alle maestranze di LTF di continuare nella propria attività, è stato necessario spostare il gazebo di attivisti No Tav, posizionato abusivamente a ridosso della recinzione già costruita, impedendo l’utilizzo sia del predisposto cancello che dell’area dei lavori». Operazioni che, sottolineano le forze dell’ordine, sono state effettuate dopo quattro intimazioni a lasciare l’area del cantiere della Torino-Lione alla Maddalena di Chiomonte e si sono svolte senza alcun incidente. «I manifestanti, mentre proseguono regolarmente le attività lavorative – spiegano dalla questura – stanno provvedendo a recuperare le masserizie presenti all’interno del gazebo».

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo