Depositphotos
News
IL FATTO

Torino, un furto dietro l’altro nei negozi del centro: rubano articoli per oltre mille euro, arrestate

Vestiti, profumi, cosmetici: avevano rubato di tutto. Fino a quando una commessa non le ha sorprese…

Una vera e propria maratona di furti. E’ quella compiuta, mercoledì scorso, da due donne marocchine di 30 e 28 anni arrestate a Torino. Lo ‘shopping’ ha avuto inizio in un negozio di abbigliamento in via Garibaldi, dove le due straniere hanno rubato un vestito lungo del valore di 120 euro. Una volta uscite dal punto vendita, si sono recate in un negozio accanto, di cosmetici, portando via due rossetti.

La loro passeggiata è proseguita e, cinque locali dopo, sono entrate in un altro negozio di abbigliamento, dove si sono impossessate di due giubbotti del valore di 120 euro. Dopo aver strappato parte dell’etichetta con i dispositivi antitaccheggio, le donne hanno indossato i capi sotto i cappotti di loro proprietà, per poi dirigersi verso un negozio d’intimo in piazza Castello. Oggetto del loro interesse, tre body, di diversa taglia, per un valore di 60 euro.

A conclusione del giro, le marocchine si sono recate in una profumeria in via Po dove, approfittando di un momento di distrazione della dipendente, hanno rubato 5 profumi posizionati accanto alla cassa per un totale di 845 euro, quindi si sono date alla fuga. Accortasi di quanto appena accaduto, la commessa le ha rincorse, riuscendo a bloccarle fuori al negozio.

Nel perquisire le due donne, gli agenti hanno trovato, oltre alla refurtiva, 1.240 euro in contanti, 10 pastiglie di Xanax detenute senza ricetta medica, una scatola di pillole dimagranti e una forbicina in metallo, presumibilmente utilizzata per staccare le placche antitaccheggio dagli articoli.

Entrambe sono state arrestate per tentato furto e denunciate per furto. Dagli accertamenti è emerso che la trentenne ha già numerosi precedenti, oltre a un divieto di dimora nel comune di Torino datato giugno di quest’anno ed un avviso orale del Questore di Torino emesso un mese dopo.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo