CONTROLLI DELL'ARMA

Torino, tre furti sventati dai carabinieri: fermati i responsabili [FOTO E VIDEO]

In manette due italiani e un romeno. Uno dei balordi stava rubando all'interno di una scuola del quartiere Rebaudengo: è stato "tradito" dal fascio di luce della torce elettrica

I carabinieri hanno arrestato tre persone con l’accusa di furto. E’ accaduto a Torino e nell’hinterland torinese, durante i controlli del territorio disposti dal comando provinciale dell’Arma.

IL PRIMO ARRESTO NEL QUARTIERE REBAUDENGO
Il primo arresto è scattato nel quartiere Rebaudengo. Qui, secondo quanto accertato dai militari del nucleo Radiomobile, un uomo è stato beccato mentre rubava all’interno di una scuola. Si tratta di un cittadino italiano, di origine marocchina, residente in città: il balordo, in piena notte, dopo aver forzato la porta esterna del locale caldaia di un istituto comunale, è entrato all’interno delle aule ed ha forzato diversi armadietti metallici in uso ai docenti.

TRADITO DALLA TORCIA ELETTRICA
Il ladro è stato tradito dal fascio di luce emanato dalla torcia utilizzata per muoversi al buio
. Infatti i carabinieri di pattuglia hanno visto all’interno dello stabile un bagliore spostarsi nei corridoi della scuola e sono prontamente intervenuti per un controllo. Hanno dunque sorpreso il malvivente intento a rovistare negli armadietti, da dove aveva già rubato una macchina fotografica digitale e una macchina per il caffè, che i militari hanno recuperato e restituito ai legittimi proprietari.

SECONDO BLITZ AL LINGOTTO
In via Sommariva, nel quartiere Lingotto, i carabinieri hanno arrestato un romeno di 42 anni responsabile del tentato furto di diverse felpe all’interno di un negozio di abbigliamento e materiali sportivi, sorpreso dalla vigilanza mentre provava a varcare l’uscita senza pagare la merce. Allertati da un cliente, i carabinieri sono intervenuti tempestivamente, bloccando il soggetto che nel frattempo stava cercando di fuggire.

SORPRESO NEL GARAGE
Infine a Ceres, nell’hinterland torinese, i militari dell’Arma hanno tratto in arresto un italiano di 31 anni, residente a Venaria Reale, sorpreso all’interno di un garage dallo stesso proprietario, un pensionato, che ha avuto la freddezza di chiamare il 112.

loop-single