truffa online
News
Sul web si spacciava per “Marco Gigliotti”

Torino, si finge ispettore di polizia per compiere truffe online: arrestato 40enne

Tra le sue vittime anche numerose escort. E’ stato incastrato dalla polizia postale di Torino

Finto ispettore di polizia in manette per estorsioni e truffe online. Dietro le sbarre è finito Simone Atzori, che sul web si spacciava per “Marco Gigliotti”, un quarantenne torinese, disoccupato e pluripregiudicato.

L’indagine della polizia postale di Torino è scattata in seguito alle numerose denunce di cittadini raggirati in tutta Italia. Questa la dinamica: pubblicavano annunci su siti come “subito.it” e “bakeca.it”, poi venivano contattato dal finto ispettore della polizia postale che, dietro minaccia, chiedeva loro il pagamento di una somma di denaro per evitare di incombere in multe, querele o arresti.

Dalle indagini è emerso che l’uomo, per non essere rintracciato, utilizzava sim telefoniche e carte di credito ricaricabili intestate a dei prestanome e guidava auto a noleggio

TRUFFATE ANCHE ESCORT.

Negli ultimi tre anni, inoltre, si era già reso responsabile di numerose truffe per centinaia di migliaia di euro nei confronti di centinaia di escort, transessuali e accompagnatrici residenti in tutta Italia, a cui aveva fatto credere di poter aumentare la visibilità dei loro annunci di incontri pubblicati su siti online. Il truffatore seriale era stato identificato e deferito più volte all’autorità giudiziaria dalla polizia postale di Torino.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo